Villa Comunale di Napoli: S.O.S. irrigazione -Richiesta intervento statale Codice Ambiente - Studio Legale avvocato Massimo Mazzucchiello- Diritto Previdenziale, tutela diritti sociali, tutela Privacy e Identità personale, tutela dell'Ambiente ed alla Sicurezza stradale

Studio Legale avvocato Massimo Mazzucchiello
Vai ai contenuti



Villa Comunale di Napoli: S.O.S. impianto irrigazione
Danno ambientale e pericolo di danno per le specie arboristiche e alberi monumentali, nonché per la fauna selvatica (periodo di nidificazione con divieto di abbattimento di alberi e suoi rami...)

In questa sezione vi proponiamo la battaglia legale che stiamo sostenendo come studio legale nell'interesse dell'Associazione ambientalista Aririna (Associazione per la rinascita della Riviera di Chiaia e di Napoli) avverso l'inefficienza dell'impianto di irrigazione automatica delle aiuole e piante (alto e basso fusto) ubicate nella Villa Comunale di Napoli.

Come strumento di tutela di tale importante interesse della Collettività, abbiamo prescelto l'istituto giuridico della "richiesta di intervento statale" per l'adozione di necessarie misure previsto dall'art. 309 del Codice dell'Ambiente (decreto legislativo 152/2006), spendibile da qualunque cittadino ed associazione ambientalista ogni qual volta si configuri un "danno ambientale" o una "minaccia" dello stesso. Il procedimento amministrativo prevede che l'istanza debba essere rivolta al Ministero dell'Ambiente (ora della "transizione ecologica") mediante deposito presso la Prefettura (avvenuto nel nostro caso a luglio del 2020).

Il problema è stato dapprima rappresentato dall' "inerzia amministrativa", dal momento che per non incorrere in decadenza annuale della domanda amministrativa, abbiamo dovuto proporre quest'estate un ricorso al TAR Campania avverso il "silenzio amministrativo". E poi abbiamo dovuto lottare, in sovrapposizione con il procedimento giuriziario in corso, in sede amministrativa contro un "preavviso di rigetto" con fissazione di un termine di 10 giorni per la presentazione di osservazioni (art. 310 Codice Ambiente ed art. 10 L. 241/90), dal momento che il Ministero della Transizione Ecologica riteneva che il caso prospettato non rientrasse nelle ipotesi legali previste di intervento statale.
Dopo la presentazione delle nostre osservazioni, cambiando orientamento, il Ministero ha aperto un'istruttoria.

Se da un lato abbiamo infatti evidenziato, davanti alle perplessità ministeriali sulla necessità/opportunità di intervento, che le ipotesi di intevento previste dal secondo comma dell'art. 300 del Codice della Ambiente hanno una valenza "esemplificativa" e non tassativa, anche per esigenze di raccordo con la successiva legislazione con la legislazione del 2013 sulla tutela degli alberi monumentali (nella Villa Comunale di Napoli figurano infatti specie floreali protette e pregiate, opportunamente censite in elenchi ufficiali della Regione Campania: almeno 2 platani orientali ed un eucalipto rosso proveniente dall'Australia!), dall'altra abbiamo richiamato la legislazione connessa alle esigenze di tutela della fauna selvatica, specie nel periodo di nidificazione (come previsto dalla legislazione di tutela del 1997), con conseguente divieto di taglio di rami e di alberi specie nella fascia costiera in cui ricade proprio la Villa Comunale.

Infine abbiamo evidenziato la querelle del 2013 sull'interazione della posa in opera del recente tunnel per la metropolitana 6 di Napoli (opera di importanza strategica e di sviluppo per Napoli) con le falde sotterranee di acqua dolce provenienti dalle colline al ridosso della Riviera di Chiaia con possibile maggior risalita dell'acqua salata dalla costa e danneggiamento delle radici delle specie floreali presenti in Villa, con coseguente e maggiore necessità di provvedere ad una migliore e più capillare irrigazione di acqua dolce dalla superficie...

Alla luce di queste documentate osservazioni il Ministero ha aperto una formale istruttoria e si è affidato all'Ente Pubblico ISPRA, Istituto Superiore per la Protezione dell'Ambiente (che coordina tutte le ARPA regionali, con funzioni ispettive, istruttorie e di studio e ricerca e che dovrebbe all'esito proporre la soluzione delle misure da adottare contro la denunciata siccità). Nel contempo il Ministero dell'Ambiente ha chiesto al gestore del patrimonio arboreo della Villa Comunale, Comune di Napoli, tutta la documentazione ed i piani di irrigazione per le specie floreali...

Sulla pagina Facebook dello studio legale sono già arrivate richieste di intervento per la Villa Floridiana di Napoli, al Vomero. Sicuramente l'Associazione Aririna, nostra rappresentata, si occuperà a tempo debito anche di quest'altra meraviglia monumentale della nostra Napoli.


La notizia è stata ripresa anche dagli Organi di Stampa (Il Mattino, edizione dell'1 settembre 2021, pag.22). Questo è il link dal sito ilmattino.it :  


Per brevità vi rimandiamo alla lettura del Provvedimento del Ministero della Transizione Ecologica del 3 agosto 2021.

  










Created with WebSite X5
avvocato Massimo Mazzucchiello
cassazionista e patrocinante innanzi alle altre Giurisdizioni Superiori
componente della Commissione di Previdenza del Consiglio dell'Ordine degli Avvocati di Napoli  
E-mail: massimo@mazzucchiello.it
www.facebook.com/studiolegaleavvocatomassimomazzucchiello

Torna ai contenuti