Tutela diritti diversamente abili: in particolare sull'indennità di accompagnamento - Studio Legale avvocato Massimo Mazzucchiello- Diritto Previdenziale, tutela diritti sociali, tutela Privacy e Identità personale, tutela dell'Ambiente ed alla Sicurezza stradale

Studio Legale avvocato Massimo Mazzucchiello
Vai ai contenuti


Tutela dei diversamente abili:
in particolare sull'essenza del requisito sanitario per ottenere dall'Inps l'indennità di accompagnamento per le persone non autosufficienti
Corte d'Appello di Napoli, Sezione Lavoro,
Sentenza 6950/2013 dell'11 dicembre 2013
Presidente Rossana Brancaccio,
Estensore Gennaro Jacone

"Le condizioni previste dall'art.1 della Legge 18/1980, per l'attribuzione dell'indennità di accompagnamento consistono, alternativamente nell'impossibilità di deambulare senza l'aiuto di un accomoagnatore oppure nella incapacità di compiere gli atti quotidiani della vita senza continua assistenza; ai fini della valutazione non rilevano episodici contesti, ma è richiesta la  verifica della loro inerenza costante al soggetto, non i rapporto ad una soltanto delle possibili esplicazione del vivere quotidiano come ad esempio dalla necessità di assistenza determinata da patologie particolari e finalizzata al compimento di alcuni specifici atti della vita quotidiana; in secondo luogo, assume importanza assolutamente non secondaria l'aspetto della pemanenza della necessità di assistenza, la quale deve essere pertanto continua, e non limitata solo a certi momenti o fasi della giornata (cfr. Cass. sez. lav. 28-06.2009 n. 12521 e Cass. sez. lav. 27.06.2003 n. 10261). In tale guisa si evidenziano gli elementi indispensabili per il riconoscimento della prestazione, che consistono nella permanenza o costante inerenza delle patologie nella vita del soggetto interessato e nella esclusione della autosufficienza. Il concetto di autosufficienza è dato dal complesso degli atti quotidiani, considerati nel suo insieme; quindi, se già una o più patologie escludono parte decisiva di tale autosufficienza in via permanente, si può dire che vi sia  auto insufficienza piena e quindi sorge il requisito sanitario della indennità di accompagnamento".















Created with WebSite X5
avvocato Massimo Mazzucchiello
cassazionista e patrocinante innanzi alle altre Giurisdizioni Superiori
componente della Commissione di Previdenza del Consiglio dell'Ordine degli Avvocati di Napoli  
E-mail: massimo@mazzucchiello.it
www.facebook.com/studiolegaleavvocatomassimomazzucchiello

Torna ai contenuti